Salute in Toscana, spesa o investimento? Convegno di Anap Confartigianato

15 Gennaio 2018

“La salute per la nostra Toscana- Cos'é? Spesa o investimento?”: questo il titolo del convegno che si svolgerà il prossimo 18 gennaio all'auditorium Pieraccini presso l'ospedale San Donato di Arezzo. Il convegno, promosso da Anap Confartigianato, vedrà la presenza di Stefano Scaramelli e di Stefano Mugnai, rispettivamente presidente e vicepresidente della Commissione sanità del Consiglio regionale della Toscana. L'introduzione ai lavori sarà di Angiolo Galletti, presidente regionale di Anap Confartigianato. Ci sarà anche un intervento di Carmelo Rigobello, consulente Welfare per la Confartigianato nazionale. Chiuderà il convegno il Segretario Nazionale Anap Fabio Menicacci.

“Certamente la salute ha un ruolo fondamentale e primario per ciascuno di noi – spiega Angiolo Galletti - e da questo presupposto nasce il convegno che vuol essere un momento di informazioni e riflessione. La domanda che vogliamo porre è: ma questo valore è davvero tutelato con l'attenzione e la cura che merita dal nostro sistema sanitario? In altre parole e senza troppi tecnicismi vogliamo capire se possiamo stare sufficientemente tranquilli, o quali sono i rischi che incombono. La nostra società – ricorda Galletti - ha sempre più anziani, ormai siamo vicini al 25 % della popolazione, si fanno pochi figli e si beneficia di un formidabile allungamento della vita che comporta però l’insorgere di malattie croniche con gravi e costosi problemi di assistenza. Si può andare avanti senza affrontare con coraggio e senza falsità il futuro del nostro sistema sanitario? E la riforma organizzativa – continua Galletti – realizzata nel 2015 dalla Regione ha portato la Toscana verso soluzioni più adeguate e tranquillizzanti? Con questo convegno non abbiamo l'ambizione di dare risposte, ma di segnalare le priorità, le maggiori preoccupazioni d magari di tracciare qualche percorso operativo.”

Confartigianato e Anap sono da sempre attenti al tema sanità e molte sono le iniziative alle quali si è posto mano. Fra queste, in particolare ad Arezzo, vi sono le iniziative di assistenza sociosanitaria integrativa, realizzate con i fondi del 5 per mille IRPEF, che sono partite fin dal 2012 e hanno consentito di erogare in Valdarno, Valdichiana e anche Valtiberina un totale di oltre 10 mila ore di assistenza domiciliare a famiglie con persone non autosufficienti e oltre 1000 ore di servizio educativo. Sono state inoltre realizzate campagne informative su temi come l'Alzheimer e le demenze senili, e si sta costruendo a livello nazionale un osservatorio sui temi della salute.

“Il convegno – spiega ancora Galletti – aprirà un capitolo specifico proprio sulla non autosufficienza, fenomeno sempre più diffuso e che rischia di mettere alle corde un sistema sanitario la cui sostenibilità economico-finanziaria di anno in anno diventa più fragile. Questo – conclude - è un tema che non ci permette di stare alla finestra, ma va affrontato con una visione di sussidiarietà in cui pubblico e privato si integrano per poter guardare al futuro con maggiore serenità”.

Ma ecco alcuni dati di tipo demografico e alcuni elementi riguardanti la percentuale di persone non autosufficienti e la spesa sanitaria in Toscana

In Italia vivono attualmente (dati 2016) circa 60 milioni di abitanti, con una crescita che dal 1980 è molto bassa. Il tasso di natalità è oggi del 7,8% (era del 23% nel 1946) e di mortalità del 10% (era del 12,1 nel 1946%). La speranza di via è di 79,4 anni per gli uomini (era di 67,2 nel 1946) e di 84,5 per le donne (era di 72,3 nel 1946). Le persone con più di 65 anni sono il 22%, i bambini e ragazzi fino a 14 anni sono il 13,7%, gli immigrati sono l'8,3%.

In Toscana la popolazione è oggi di 3 milioni e 742 mila unità. L'età media è di 46,5 anni (era di 43,6 nel 2002) e l'indice di vecchiaia è di 192,9 (il dato in Italia è di 157,7).

In Toscana il tasso di attività è del 72,3% (in Italia del 64,9%). Il tasso di disoccupazione è del 7,5% (In Italia del 11,2%)

La Toscana ha speso per la sanità nel 2014 circa 7 milioni e 260 mila euro. L'investimento è rimasto pressoché costante dal 2009. La spesa sanitaria per abitante in Toscana (anno 2011) è di 1884 euro annui, in Emilia Romagna è di 1854, in Umbria di 1840, in Lombardia di 1834 e in Veneto di 1737.

In Toscana esistono 119 residenze assistenziali intermedie, 132 residenze sanitarie intermedie e 154 strutture Low care.

La percentuale di persone gravemente non autosufficienti risulta del 5% per i maschi con più di 65 anni e del 6,30% per le donne. Percentuale che sale al 9,06% per gli ultra 75 maschi e al 11,56% per le donne. A questi vanno aggiunti percentuali del 3% maschi ultra 65 lievemente non autosufficienti e il 3,60 donne, percentuali che salgono al 5,42% per gli over 75 e al 7,36% per le donne.

 

 

Scarica il documento in formato pdf