Proclamati i vincitori del Premio "Leonardo da Vinci"

27 Aprile 2017

Si è svolta nella splendida cornice di Palazzo Pretorio ad Anghiari la cerimonia di proclamazione dei vincitori del Premio “Leonardo da Vinci”.

Il Premio - istituito dalle Associazioni provinciali dell’artigianato in collaborazione con il Comune di Anghiari, l’Ente Mostra dell’artigianato della Valtiberina Toscana e l’Associazione pro-loco di Anghiari- si propone di stimolare la creatività degli artigiani-artisti aderenti al progetto “I Mestieri dell’Arte fra Tevere ed Arno” che raccoglie le eccellenze dell’artigianato artistico del nostro territorio.

“L’iniziativa - dichiarano Ferrer Vannetti, Presidente di Confartigianato Arezzo e Franca Binazzi, Presidente di CNA Arezzo - ha suscitato grandissimo interesse tra i visitatori della XLII edizione della Mostra dell’Artigianato di Anghiari ed ha avuto il merito di accendere i riflettori sulle straordinarie capacità delle nostre botteghe d’arte, sottolineando in particolare il profondo legame esistente tra l’artigianato ed il patrimonio storico-artistico del nostro territorio.

Gli artigiani che hanno aderito al contest hanno infatti realizzato un oggetto capace di coniugare la loro creatività artistica con le tecniche del mestiere artigiano, promuovendo l’innovazione nei materiali e nelle tecniche di lavorazione e fornendo una particolare interpretazione dell’opera di Leonardo da Vinci”.

Una giuria qualificata – presieduta dal prof. Paolo Torriti dell’Università di Siena - ha selezionato le creazioni dei 12 artigiani in concorso, individuando i vincitori nelle quattro categorie previste.

A premiare gli artisti selezionati dalla giuria c’erano il Sindaco di Anghiari, Alessandro Polcri, il pittore siciliano Enzo di Franco , i rappresentanti dell’Ente Mostra e dell’Associazione pro-loco di Anghiari, Piero Calli e Silvia Giovagnini oltre ai rappresentanti dell’artigianato artistico di Confartigianato Arezzo, Paolo Frusone e di CNA Arezzo, Nicola Zoi.

 

Per la categoria relativa all’interpretazione dell’opera di Leonardo da Vinci è stata premiata la bottega “Giotto” di Araldo, Arianna e Alessio Giannoni. La storica azienda di ceramica di Monte San Savino ha preso parte al concorso con uno splendido pannello in ceramica ispirato alla “battaglia di Anghiari” realizzata nel 1503 da Leonardo a Palazzo Vecchio a Firenze e andata perduta dopo pochi anni. Il riconoscimento relativo alla categoria “Maestria nell’artigianato” è andato a Pietro Fabbroni della bottega “I Biri” di Terranuova Bracciolini che ha proposto un’imponente scultura in pietra serena ispirata ai disegni leonardeschi della scala elicoidale. Per la categoria “Creatività Artigiana” è stato premiato Simone Naldini della bottega artigiana “Mastrociliegia” di San Giovanni Valdarno che ha realizzato un sorprendente pannello inciso a fuoco con la tecnica della pirografia, ispirato alle grottesche di Leonardo. Il riconoscimento per l’innovazione dei materiali e delle tecniche di lavorazione è stato infine assegnato all’artigiana orafa anghiarese Barbara Dini che ha proposto un gioiello ispirato allo studio del volo degli uccelli di Leonardo e che è stato particolarmente apprezzato dalla giuria anche per l’originalità del design.

 

Un plauso è andato anche agli altri artisti artigiani in concorso le cui straordinarie creazioni  spaziano dalla ceramica all’oreficeria, dalla decorazione al vetro artistico. Si tratta della restauratrice e decoratrice Stefania Bracci, della restauratrice e artigiana del vetro artistico Olimpia Bruni, dell’artista Elena Merendelli, del ceramista Andrea Roggi e degli orafi Roberto Baragli, Marco Conti, Danilo Fabiani e Luca Martinelli.

 

 

Scarica il documento in formato pdf