Lavanderie Confartigianato. Chiarezza su self service e al via Formazione su lavaggio Bio

11 Ottobre 2017

Si è svolta il 10 Ottobre scorso l'Assembela delle Lavanderie di Confartigianato Imprese Arezzo per definire le attività principali da intraprendere. Durante l'incontro sono emersi alcuni aspetti di fondamentale importanza quali ad esempio le azioni volte alla regolarizzazione delle lavanderie self service. Da tempo Confartigianato puntualizza che nelle lavanderie self service il cliente deve azionare lavatrice e asciugatrice da solo. Non deve esserci un incaricato a ricevere i panni e magari anche consegnarli. Non devono esserci collegati servizi accessori, come stiratura, rammendo nello stesso esercizio o in un locale adiacente.

Al fine di fare chiarezza e mettere in moto un meccanismo che eviti gli abusi, la questione è stata demandata a Confartigianato nazionale che si è rivolta ad Unioncamere. L’incontro con i rappresentanti tecnici di Unioncamere si è svolto a Roma ed è servito per porre all'attenzione degli Enti Camerali il fenomeno. A breve seguirà un altro incontro con l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI) che servirà per affrontare il problema della SCIA la dichiarazione per l’avvio dell’attività.

Inoltre la categoria ha ritenuto opportuno promuovere un percorso formativo sulle tecniche di lavaggio Bio e sui nuovi orizzonti legati alla tutela dell'ambiente.

Per tutte le informazioni a riguardo è possibile contattare la Coordinatrice Manuela Boncompagni (Tel. 0575.314281 - manuela.boncompagni@artigianiarezzo.it)

Scarica il documento in formato pdf