Grafici e Tipografi. Possibili le assunzioni temporanee per esigenze stagionali

9 Gennaio 2019

Buone notizie per tutte le aziende che applicano il contratto nazionale dell'area comunicazione e per i giovani in cerca di lavoro. A darne notizia è il presidente nazionale di Confartigianato Grafici, Maurizio Baldi.

“In base a quanto previsto dal decreto legge 87/2018 convertito nella legge 96, più noto come Decreto Dignità – riferisce Baldi - è stata sottoscritta un’intesa tra le organizzazioni datoriali, tra le quali Confartigianato Grafici, e le organizzazioni sindacali dei lavoratori, che introduce la possibilità di assumere lavoratori con contratto a termine per esigenze stagionali per alcune tipologie di imprese ed in particolare per le attività artigianali connesse a prestampa, stampa, cartotecnica, legatoria, finitura, packaging, e marketing. Questa possibilità è relativa a periodi dell'anno nei quali le imprese del settore possono avere surplus di lavoro, come il periodo elettorale; la presentazione di nuove collezioni del settore moda, occhialeria e orafo; eventi o festività in genere e le fiere di ogni settore di produzione e servizio; editoria universitaria e scolastica di ogni ordine e grado; le produzioni stagionali del settore agroalimentare; il rinnovamento dei cataloghi e delle produzioni del settore del mobile e dell’arredo in genere. E' un accordo di grande importanza – sottolinea Baldi – perché permette alle aziende di assumere, con contratto a termine, il personale necessario per far fronte a carichi di lavoro particolarmente intensi senza dover passare dalle agenzie interinali. Questo consente una duplice opportunità, all'imprenditore di assumere e dunque onorare le maggiori commesse legate a determinati eventi o periodi, ai giovani in cerca di lavoro di entrare in azienda, farsi conoscere, imparare il mestiere o perfezionarlo, e magari aspirare ad una futura assunzione a tempo indeterminato. Tutto questo senza dover dipendere dalle agenzie interinali, ma con un rapporto diretto fra imprenditore e personale da assumere.

Per il presidente Baldi questo accordo è particolarmente significativo anche in prospettiva futura.

“Il settore legato alla comunicazione, grafica, tipografia – spiega – è un settore in rapido e profondo cambiamento. Questo comporta opportunità, ma anche aspetti negativi e certamente l'incertezza è una caratteristica dominante. Grazie a questo accordo l'imprenditore può assumere con più tranquillità, può rischiare e mettersi in gioco e cogliere opportunità che altrimenti esiterebbe a cogliere per timore di fare il passo troppo lungo e comunque per l'incertezza del mercato.”

E proprio nell'ottica di favorire le scelte imprenditoriali della categoria Baldi annuncia un altro passo importante al quale sta lavorando.

“Stiamo lavorando, sia a livello nazionale che regionale – racconta – per il riconoscimento del tipografo come “maestro artigiano”. E' un passo di grande importanza perché questo riconoscimento consentirebbe di valorizzare le competenze di tipografi esperti e far sì che possano trasmetterle ai giovani, questo sarebbe un valore aggiunto particolarmente importante sopratutto nel settore del post stampa e della rifinitura con applicazioni a mano dei prodotti. Un settore questo dove la richiesta non manca, ma dove si rischia di perdere un grande patrimonio di conoscenze, proprie del mondo artigiano, che la scuola non offre ai giovani.”

Dunque le imprese sono avvertite, ma anche i giovani in cerca di lavoro. A chi può essere offerta questa opportunità in particolare? “A tutti coloro – risponde Baldi - che si occupano di ideazione grafica ma anche di gestione dei contenuti, giornalisti compresi, a quanti hanno voglia e capacità di suscitare un'emozione nella comunicazione di un contenuto o di un prodotto. Oggi – conclude – questa è la strada da percorrere. Le aziende hanno necessità di far conoscere i loro prodotti e saper comunicare oltre che trasmettere emozioni, fattore strategico per il nostro settore".

 

 

Scarica il documento in formato pdf