Gommisti. Definiti gli standard dei corsi per Responsabile tecnico

9 Luglio 2019

Nel corso di questi ultimi anni Confartiganato ha cercato di dialogare con gli Enti preposti (tra tutti la Regione Toscana), al fine di rendere più agevole l’acquisizione della qualifica di Responsabile Tecnico “Gommista” per tutte le imprese già in attività prima dell’entrata in vigore della L. 224/2013.

Al fine di sgomberare qualsiasi dubbio sulla corretta interpretazione della normativa e tutelare al meglio le nostre imprese associate abbiamo – contrariamente ad altri soggetti – deciso di approfondire le controversie normative esistenti su questa tematica attraverso una lunga serie di tavoli concertativi con i tecnici regionali e fornire un quadro chiaro capace di chiarire la situazione.

Nello specifico la Regione Toscana ha accolto la possibilità di esentare le imprese di Meccatronica e/o Carrozzeria dall’effettuazione del modulo generale di “Gestione dell’attività di autoriparazione” (pari a 100 ore) previsto dal Corso per l’ottenimento della qualifica professionale, ribadendo altresì l’obbligatorietà dello stage.

Ai sensi dell’art 3 comma 2 della legge 11 dicembre 2012, n. 224, i responsabili tecnici delle imprese già iscritte nel registro delle imprese o nell'albo delle imprese artigiane e abilitate alle attività di meccatronico o a quella di carrozziere, qualora non siano in possesso di almeno uno dei requisiti tecnico-professionali previsti dalle lettere a) e c) del comma 2 dell'articolo 7 della citata legge n. 122 del 1992, devono frequentare il percorso formativo, limitatamente alle competenze relative all'abilitazione professionale non posseduta.

Per questi soggetti non è necessaria la frequenza del modulo comune “Gestione dell’attività di autoriparazione”, pari a 100 ore e pertanto la durata minima del corso di formazione è pari a 150 ore. Lo stage è obbligatorio nella misura del 30%, del monte ore da frequentare.  

Il corso, quindi, prevede 105 ore di aule e di 45 ore di stage. Per essere più espliciti, potranno essere esentati dall’obbligatorietà dello stage, trasformando le ore previste da quest’ultimo in attività lavorativa, solamente coloro che, pur non avendo il requisito richiesto, operano in autofficine autorizzate già in possesso della qualifica di Gommista mentre resterà obbligatorio, nelle indicazioni sopra elencate, per tutti gli altri imprenditori e/o collaboratori operanti in officine di meccatronico e/o carrozzeria.

Con la premura di fornire aggiornamenti a breve termine, per ulteriori informazioni è possibile contattare il Coordinatore di Confartigianato Autoriparazione Giacomo Magi (Tel. 0575314283 - giacomo.magi@artigianiarezzo.it) e/o la Responsabile di Confartigianato Arezzo Formazione Elena Bucefari (Tel. 0575314272 - elena.bucefari@artigianiarezzo.it)

 

Scarica il documento in formato pdf