Giornata di predizione dell'Alzheimer il 7 aprile in piazza Giotto

6 Aprile 2018

Anche quest’anno Anap-Ancos Confartigianato di Arezzo torna in piazza con il gazebo informativo contro l’Alzheimer. Sabato 7 aprile 2018, infatti, si svolgerà l’XI “Giornata nazionale per la prevenzione dell’Alzheimer” organizzata, come sempre dall’Associazione nazionale anziani e pensionati (Anap), dall’Associazione nazionale comunità sociali e sportive (Ancos) di Confartigianato Persone in collaborazione con la Croce rossa italiana, con il Dipartimento di scienze geriatriche dell’Università La Sapienza di Roma e con la Fondazione per lo studio della geriatria e gerontologia.

Il gazebo sarà allestito in Piazza Giotto e sarà aperto dalle ore 9.00 alle 13.00. I cittadini potranno avere informazioni sulla predisposizione a questa malattia, sulle forme di assistenza ai malati e sui comportamenti più efficaci per prevenirla, compilare i questionari per predirne l’insorgenza e avere tutto il materiale necessario per un corretto stile di vita. Da parte della Croce Rossa si provvederà anche alla misurazione gratuita della pressione sanguigna.

“Si tratta di una campagna – dichiara Angiolo Galletti, presidente regionale e provinciale di ANAP Confartigianato - che ci vede impegnati da più di un decennio, alla quale teniamo particolarmente, per la delicatezza dei temi trattati e per l’importanza che gli anziani e la loro tutela, soprattutto quando si parla di anziani fragili e vulnerabili e delle loro famiglie, rivestono per le nostre associazioni. Questa campagna, giunta alla 11a edizione, è molto apprezzata – aggiunge Galletti - perchè consente di avere informazioni su una malattia subdola, sempre più diffusa con l'aumento dell'età media, ma ancora troppo poco conosciuta nelle sue manifestazioni iniziali. Una malattia difficilmente curabile ma che, secondo gli studiosi, è possibile prevenire o comunque contrastarne l'insorgenza, adottando per tempo uno stile di vita sano e mantenendosi attivi. Noi crediamo molto nell'informazione in questo senso e intendiamo dare il nostro contributo alla prevenzione di una malattia terribile, che produce effetti devastanti sull'individuo, ma si ripercuote gravemente anche sulle famiglie e sul sistema sociosanitario. Prevenire è sempre meglio che curare – conclude il presidente di Anap Confartigianato – e noi siamo impegnati per questo.”

 

Scarica il documento in formato pdf