Compro Oro. Dal 3 Settembre sarą operativo il Registro degli operatori

8 Agosto 2018

Sarà operativo dal 3 settembre prossimo il Registro dei Compro Oro. Lo ha stabilito l’Organismo degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi (OAM) secondo quanto prescritto dal Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze dello scorso 14 Maggio.

Entro la data prevista per l’avvio del Registro dovranno essere completate, sentito il Garante per la Privacy, le specifiche tecniche delle procedure di registrazione, accreditamento e utilizzo del servizio di iscrizione da parte degli operatori, oltre a quelle di accreditamento e accesso alla sottosezione riservata da parte delle autorità competenti.

I compro oro già in attività dovranno presentare la domanda di iscrizione entro e non oltre il 2 Ottobre. Potranno in tal modo continuare ad esercitare la compravendita di oggetti preziosi usati senza attendere la pronuncia di accoglimento della richiesta di iscrizione al Registro da parte di OAM.

A partire dal 3 Ottobre, invece, coloro che invece non abbiano presentato la domanda di iscrizione dovranno interrompere lo svolgimento dell’attività e potranno riprenderla solo dopo aver presentato l’istanza di iscrizione nel Registro e a seguito della pronuncia di accoglimento da parte  di OAM.

La circolare OAM n.30/18 ha deliberato anche le modalità di calcolo del contributo previsto per la copertura dei costi di istituzione, sviluppo e gestione del Registro.

Il contributo prevede una parte fissa ed una parte variabile. La parte fissa varia a seconda della natura giuridica dell’operatore compro oro oltre che dall’esclusività o meno dell’attività di compravendita di oggetti in metallo prezioso usati.

In particolare per gli operatori che svolgano attività di compro oro in via prevalente il contributo prevede una parte fissa di 230 euro per le persone giuridiche e di 120 euro per le persone fisiche.

Per coloro che invece svolgono l’attività di compro oro in via secondaria il contributo prevede una parte fissa di 210 euro per le persone giuridiche e di 100 euro per le persone fisiche.

La parte variabile varia a seconda del livello di complessità dell’organizzazione e sarà di 70 euro per ogni sede operativa dell’impresa.

I requisiti previsti per l’iscrizione al Registro dei Compro Oro sono: il possesso di un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) valido e attivo, una firma digitale intestata al richiedente l’iscrizione, un documento di riconoscimento in corso di validità del richiedente l’iscrizione, l’attestazione rilasciata dalla Questura territorialmente competente del possesso e perdurante validità della licenza, copia del pagamento all’Agenzia delle Entrate della Tassa di concessione governativa pari a 168 euro ed infine copia del pagamento effettuato del contributo di iscrizione al Registro.

 

Scarica il documento in formato pdf