Bonus ristrutturazioni, mobili e serramenti saranno prorogati

22 ottobre 2018

Bonus ristrutturazioni, mobili e serramenti saranno prorogati

Fabbroni e Francesconi: “Anche nel 2019 sconti fiscali utili a famiglie e imprese”

Buone notizie per chi vuole ristrutturare casa, ma anche per chi intende comprare mobili o elettrodomestici, o rendere la propria abitazione più efficiente dal punto di vista energetico e dunque cambiare caldaia, o mettere tende o cambiare infissi.

Ci sarà infatti un anno di proroga per il bonus mobili del 50%, e ci sarà la conferma di tutto il blocco delle altre detrazioni per la casa: sopravvivono, quindi, sia il bonus ristrutturazioni del 50% che l'ecobonus, con il doppio binario del 50% e del 65%.

A darne notizia sono Leonardo Fabbroni e Claudio Francesconi, rispettivamente presidenti di Confartigianato Legno e Confartigianato Arredo.

“Queste notizie emergono – spiegano - dalla lettura del Documento programmatico di bilancio del 2019, che anticipa i contenuti del disegno di legge di bilancio per la parte che riguarda gli sconti fiscali per la casa.”

Ma vediamo meglio le detrazioni che vengono confermate

“Ci sono alcune conferme importanti – annunciano i due presidenti di Federazione - a partire dallo sconto base del 50% per le ristrutturazioni che sarà prorogato fino al 31 dicembre 2019 e resterà identico all'assetto attuale: detrazione al 50% per tutti gli interventi ristrutturazione edilizia, da suddividere in dieci quote annuali. A questo si aggiunge la detrazione per gli interventi di efficienza energetica, con lo sconto diviso in dieci quote annuali e alcune operazioni con aliquota ridotta al 50%. Si tratta della sostituzione di infissi, delle schermature solari, degli impianti di climatizzazione invernale tramite biomassa e tramite caldaie a condensazione ad efficienza più bassa. Dovrebbero restare al 65%, stando alla lettura del documento, interventi come le caldaie a condensazione ad alta efficienza, la riqualificazione globale degli edifici o le coibentazioni.

Ma la novità più rilevante – sottolineano Fabbroni e Francesconi - riguarda due sconti che finora erano rimasti sullo sfondo, come la detrazione per l'acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe energetica elevata finalizzati all'arredo dell'immobile oggetto di ristrutturazione. Si tratta del bonus mobili al 50% che, quindi, guadagna un altro anno di vita, fino a tutto il 2019. Allo stesso modo, viene rinnovata per un altro anno la detrazione al 36% per interventi di cura, ristrutturazione e irrigazione del verde privato. È il bonus verde, inaugurato lo scorso anno, che continuerà ad essere in vigore anche l'anno prossimo.

Si tratta di conferme importanti – concludono Fabbroni e Francesconi– che permetteranno alle famiglie di pianificare con maggiore calma gli interventi nella propria abitazione, godendo di sconti fiscali significativi, che daranno impulso al lavoro di tante piccole imprese in alcuni dei settori che più hanno sofferto per la crisi.”  

 

 

 

Scarica il documento in formato pdf